IoWa-nt Barack

3 January 2008, 21:35 | Alta politica | Commenti: 1

Stasera si comincia – La prima considerazione è che mi piacerebbe esserci, e cercare di convincere er barista sotto casa che è mejo obbama, poi la mia Top five:

Obama perché è, nuovo, negro e – si dice – quasi la metà dei suoi elettori è under 35. Anche perché difficilmente vincerà. Poi parla bene, molto bene, non è poco. Di contro dice troppe volte “Dio”, e ha una politica estera un po’ vacua.

a 20 secondi

Hillary, è donna, è Clinton. Un po’ troppo ammanicata, e un po’ troppo dietro al consenso.

a 30 secondi

McCain, è il repubblicano più democratico, sull’immigrazione non vuole alzare barriere e sta sui coglioni agli evangelici sulle questioni etiche. Sull’Iraq dice da sempre quello che stanno iniziando a dire tutti dopo i successi di Petreus, ovvero che andarsene di corsa vuoldire il male di tutti, iraqueni per primi. Poi ha fatto lo spot più bello fra tutti. E però è pur sempre un repubblicano (Kissinger endorsed, bleah!), ed è quello che creerebbe più problemi a Obama e Clinton in caso di nomina.

a 55 secondi

Giuliani, sui temi etici è vicino a McCain ed è uno che anche in terra ostile ha sempre avuto ragione, ha funzionato. Spesso una cosa che funziona è più giusta di una giusta. Di contro il pugno duro in quel contesto non mi è mai piaciuto.

a 3 minuti

Edwards, è un sinistroide populista, ma dovendo proprio scegliere un quinto, meglio un’America con meno Tocqueville che un’America senza Darwin (Huckabee, Romney, in parte Thompson).

Insomma, i primi quattro sono nell’arco del minuto, non è poco per quel che mi riguarda.

– Commenti:



Un commento presente su “IoWa-nt Barack” – Feed

  1. Chi ben comincia | Distanti saluti – 4 November 2008, 12:55 (n° 1)

    […] Saluti iniziò dieci mesi fa con un endorsment a Obama, con metafora ciclistica e anche piuttosto timido. Nel frattempo siamo diventati meno timidi, Obama […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti