Lunedì degli aneddoti – II – GRA

27 July 2009, 9:52 | Luneddoti | Commenti: 18

Quando mi capita di leggere un aneddoto carino, da qualche parte, me lo appunto per non dimenticarlo: così ora ho un piccolo mazzo di aneddoti che ogni tanto racconto. Pensavo di farci un libro, un giorno, ma forse è più carino pubblicarne uno, ogni tanto, sul blog. Questo ‘ogni tanto’ sarà ogni lunedì.

GRA

Perché l’anello che circonda Roma si chiama Grande Raccordo Anulare? Raccordo Anulare, tornerebbe anche, ma grande? Il motivo è particolare, e la sigla – un acrostico – anticipa addirittura il nome: il Direttore Generale dell’Associazione Nazionale AutoStrade, e grande ideatore del progetto, si chiamava Eugenio Gra. Gra sostenne l’idea di un’autostrada che circondasse Roma così ferventemente che tutti, durante la fase costruzione, si riferivano al progetto come “il progetto di Gra” o, più brevemente, come “il Gra”. A costruzione ultimata quel nome fu mantenuto, associando a ogni lettera una parola: Grande Raccordo Anulare, appunto.

[Qui il primo: Brutti e liberi]

– Commenti:



18 Commenti presenti su “Lunedì degli aneddoti – II – GRA” – Feed

  1. fra Alberto – 27 July 2009, 10:17 (n° 1)

    lo sapevoooooooooooo!!!

    Rispondi  |  Cita
  2. Chiara – 27 July 2009, 10:46 (n° 2)

    Ma dai, credevo fosse per distinguerlo dall’anello più piccolo (la tangenziale del ’62 doveva essere un anello completo). Bene a sapersi.

    Rispondi  |  Cita
  3. cacioman – 27 July 2009, 12:19 (n° 3)

    L’aneddoto è carino, purtroppo non è vero.
    Ma questo che vuol dire? Che Ulisse e Polifemo sono esistiti, forse?
    Cercherò materiale a supporto (ora ho fretta sto partendo per le ferie, anche via GRA)
    Ciao

    Rispondi  |  Cita
  4. Giovanni Fontana – 27 July 2009, 13:02 (n° 4)

    @ cacioman:
    primo link che trovo: http://www.itawiki.com/eugenio_gra.html

    Rispondi  |  Cita
  5. fra Alberto – 27 July 2009, 13:10 (n° 5)

    @ cacioman:
    non è una leggenda metropolitana, a Roma è un fatto abbastanza noto

    Rispondi  |  Cita
  6. tenkiu – 27 July 2009, 13:18 (n° 6)

    cacioman ha scritto:

    L’aneddoto è carino, purtroppo non è vero.

    Ma è credibile! :-)

    Rispondi  |  Cita
  7. fra Alberto – 27 July 2009, 13:35 (n° 7)

    @ Giovanni Fontana:

    Quando mi capita di leggere un aneddoto carino, da qualche parte, me lo appunto per non dimenticarlo: così ora ho un piccolo mazzo di aneddoti che ogni tanto racconto. Pensavo di farci un libro, un giorno, ma forse è più carino pubblicarne uno, ogni tanto, sul blog. Ho deciso che questo ‘ogni tanto’ sarà ogni lunedì.

    Ma sai che sei proprio all’antica? E’ un complimento, chiaramente! Mi ricordi tanto il mio “precettore” di latino, un anziano maestro delle elementari che mi custodiva tutta l’estate per preparare l’esame di riparazione di latino, ogni giorno da lui, in giardino a tradurre Cicerone, Seneca etc. e anche lui tirava fuori foglietti vari dove si appuntava aneddoti, versioni tradotte o lezioni su Manzoni, Leopardi, ormai è morto e ogni tanto con la sua antica sagacia mi manca…

    Rispondi  |  Cita
  8. cacioman – 27 July 2009, 15:48 (n° 8)

    Boh, vabbe’… Su wikipedia (la verità, la via e la luce) dice che è più o meno come dite voi. Anche se la cosa rimane piena di mistero.

    Come direbbe Roberto Giacobbo: “Grande Raccordo Anulare ha il nome dell’ingegner GRA. Che sia solo una coincidenza? Noi di Voyager pensiamo di no!”

    ciao

    http://it.wikipedia.org/wiki/Grande_Raccordo_Anulare#cite_note-5

    Rispondi  |  Cita
  9. Giampaolo Mannucci – 27 July 2009, 18:09 (n° 9)

    Molto interessante, che sia vero o no resta comunque credibilissimo, come dice anche Tenkiu.

    Rispondi  |  Cita
  10. tenkiu – 28 July 2009, 11:24 (n° 10)

    Giampaolo Mannucci ha scritto:

    Molto interessante, che sia vero o no resta comunque credibilissimo, come dice anche Tenkiu.

    A qualcuno basta che sia “credibile” per essere convinto che sia “vero”! ;-)

    Rispondi  |  Cita
  11. elisabetta – 28 July 2009, 14:52 (n° 11)

    è assolutamente vero.
    Tutti gli architetti di Roma lo sanno. Ed è anche documentato.
    Comunque, a parte Gra, l’ideatore del progetto, il responsabile della realizzazione fu l’ing. Samperi.

    Rispondi  |  Cita
  12. Lunedì degli aneddoti – III – Il caso Plutone | Distanti saluti – 3 August 2009, 13:47 (n° 12)

    […] [Qui il primo: Brutti e liberi; qui il secondo: Grande Raccordo Anulare] […]

  13. Lunedì degli aneddoti – XVII – La caduta del Muro | Distanti saluti – 9 November 2009, 10:12 (n° 13)

    […] il primo: Brutti e liberi – qui il secondo: Grande Raccordo Anulare – qui il terzo: Il caso Plutone – qui il quarto: I frocioni – qui il quinto: Comunisti – […]

  14. Lunedì degli aneddoti – XX – Il gallo nero | Distanti saluti – 1 December 2009, 00:01 (n° 14)

    […] il primo: Brutti e liberi – qui il secondo: Grande Raccordo Anulare – qui il terzo: Il caso Plutone – qui il quarto: I frocioni – qui il quinto: Comunisti – […]

  15. Lunedì degli aneddoti – XXVII – Zzzzzz | Distanti saluti – 25 January 2010, 21:32 (n° 15)

    […] il primo: Brutti e liberi – qui il secondo: Grande Raccordo Anulare – qui il terzo: Il caso Plutone – qui il quarto: I frocioni – qui il quinto: Comunisti – […]

  16. Lunedì degli aneddoti – XXVIII – Teorema della cacca di cavallo | Distanti saluti – 1 February 2010, 19:03 (n° 16)

    […] il primo: Brutti e liberi – qui il secondo: Grande Raccordo Anulare – qui il terzo: Il caso Plutone – qui il quarto: I frocioni – qui il quinto: Comunisti – […]

  17. Lunedì degli aneddoti – XXIX – Morto un papa | Distanti saluti – 8 February 2010, 23:32 (n° 17)

    […] il primo: Brutti e liberi – qui il secondo: Grande Raccordo Anulare – qui il terzo: Il caso Plutone – qui il quarto: I frocioni – qui il quinto: Comunisti – […]

  18. Lunedì degli aneddoti – XXXIX – Una frusta dà, di uva, aceto | Distanti saluti – 22 October 2012, 01:54 (n° 18)

    […] GLI ANEDDOTI primo: Brutti e liberi secondo: Grande Raccordo Anulare terzo: Il caso Plutone quarto: I frocioni quinto: Comunisti sesto: La rettorica […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti