Mama mia let me come

28 April 2010, 13:23 | Gruppo misto | Commenti: 34

interesse 1 su 5

Ecco, questo è un argomento su cui non ho proprio un’opinione né dei motivi risolutivi per sostenerne una o l’altra:

La procura della Suprema corte, sollecitata dall’associazione Amici dei bambini, afferma che le coppie che chiedono l’adozione non possono dirsi indisponibili a ricevere piccoli di pelle nere o di etnia non europea.

Da una parte c’è l’ovvio senso di ingiustizia nel concepire di rifiutare un bimbo per ragioni etniche o – peggio – cutanee, dall’altra c’è l’infausto scenario del relegare un bambino nero a una coppia di razzisti. È chiaro che, per la società, la cosa più giusta è impedire questa possibilità di scelta, ma non lo si fa sulla pelle – letteralmente – del bambino?

EDIT: Max, Scialocco e Pietrino mi hanno convinto con buoni argomenti che la decisione della Cassazione è una cazzata, Alessandro Gilioli raccontando la sua storia.

– Commenti:



34 Commenti presenti su “Mama mia let me come” – Feed

  1. Davide – 28 April 2010, 13:29 (n° 1)

    Beh, magari così un razzista evita di adottare in toto, però ;)

    Rispondi  |  Cita
  2. gianni – 28 April 2010, 13:47 (n° 2)

    ricordo lo sgomento mio e di mia moglie nel sentirci fare questo tipo di domanda dall’assistente sociale che accoglieva la nostra domanda di adozione.

    Rispondi  |  Cita
  3. Shylock – 28 April 2010, 14:51 (n° 3)

    Di per se’ non vedo lo scandalo, nel senso che tutti, in un modo o nell’altro, discriminano sulle caratteristiche desiderate nei figli (a cominciare dalla scelta del partner con cui farli).
    O solo i genitori adottivi devono essere di bocca buona? Se non si può discriminare, allora l’inseminazione artificiale dovrebbe essere _obbligatoriamente_ eterologa, sennò è troppo facile. E non dovrebbero lamentarsi, men che meno far causa, quelli che ooops, si ritrovano il bambino nero perché son state scambiate le provette.
    Ma se non si può discriminare, allora devi adottare anche un bambino handicappato, se ti tocca; e va vietata la diagnosi preimpianto degli embrioni (perché rovinare la sorpresa?), per non parlare dell’aborto dei feti malformati.
    O il tuo ‘senso di ingiustizia’ non si spinge fino a quel punto?

    Rispondi  |  Cita
  4. Putiferio – 28 April 2010, 15:36 (n° 4)

    @ Davide:

    Si, credo che l’ effetto sia questo@ Shylock:

    Beh, la parte finale sull’ aborto e i feti malformati mi pare uno scivolone: qui si tratta di salute di un futuro bambino, più che di possibilità discriminatorie su quale bambino si desidera.

    Il resto invece è condivisibile.

    Rispondi  |  Cita
  5. Max – 28 April 2010, 16:04 (n° 5)

    e premetto che ho considerato di adottare da east asia o latin america prima di avere mio figlio. penso pero sia una cosa non giusta ed abbastanza ideologica e semplicistica di un paese che fatica a creare un melting pot ed arriva a decisioni impacciate. a parte la liberta di scelta che la decisione della corte lede fondamentalmente, conosco molte coppie nere che non vorrebbero mai un bambino bianco e viceversa. mettiamo il caso non vogliano rivelare che il bambino sia stato adottato, che pure e’ un diritto del genitore? poi esistono problemi di integrazione nella famiglia, problemi di integrazione culturale, perdita delle radici etnicoculturali. molti psicologhi di colore sostengono la ingiustizia fonamentale di privare un bimbo di colore della tradizione etnico culturale che accompagna la crescita in un ambiente etnicamente omogeneo. il che si pone non solo per bimbi di colore ma per altre etnie. qui il problema e’ opposto a causa dei molti bimbi afroamericani provenienti da famiglie fragili che vengono adottati da bianchi.

    Rispondi  |  Cita
  6. Giovanni Fontana – 28 April 2010, 17:56 (n° 6)

    @ Shylock:
    @ Max:
    @ Pietrino su Skype

    Sì, avete ragione. Mi avete convinto.

    Rispondi  |  Cita
  7. Shylock – 28 April 2010, 19:34 (n° 7)

    @ Giovanni Fontana:
    Me cojoni?

    Rispondi  |  Cita
  8. Giovanni Fontana – 28 April 2010, 19:35 (n° 8)

    @ Shylock:
    Si dice “me stai a cojonà?” perché “me cojoni” in romanesco vordì n’antra cosa.

    (comunque no, ho anche editato il post)

    Rispondi  |  Cita
  9. Shylock – 28 April 2010, 20:49 (n° 9)

    @ Giovanni Fontana:
    E chevvordi’, allora?

    Rispondi  |  Cita
  10. Giovanni Fontana – 28 April 2010, 20:51 (n° 10)

    @ Shylock:
    – Che numero di scarpe porti?
    – il 49
    – me cojoni!

    Rispondi  |  Cita
  11. Shylock – 28 April 2010, 21:31 (n° 11)

    @ Giovanni Fontana:
    E sticazzi, allora?

    Rispondi  |  Cita
  12. Giovanni Fontana – 28 April 2010, 21:32 (n° 12)

    @ Shylock:
    Sticazzi vuoldire chissenefrega.

    – Lo sai che Noemi Letizia si è fidanzata di nuovo?
    – Sì, anche, sticazzi.

    Rispondi  |  Cita
  13. Shylock – 28 April 2010, 21:39 (n° 13)

    @ Giovanni Fontana:
    Grazie, mo’ m’o o segno.

    Rispondi  |  Cita
  14. Giovanni Fontana – 28 April 2010, 21:42 (n° 14)
  15. Shylock – 28 April 2010, 22:40 (n° 15)

    Oh, vedi che sei giovane ma qualche classico lo conosci?

    Rispondi  |  Cita
  16. Bastava alzare il telefono, e farselo spiegare. 5 minuti. Non di più. « Arnaldo Gr – 29 April 2010, 10:56 (n° 16)

    […] il telefono, e farselo spiegare. 5 minuti. Non di più. Di arnaldogr Rispondo a un post di Distanti Saluti. Lui l’ha riassunto così: “La procura della Suprema corte, sollecitata […]

  17. Arnaldo – 29 April 2010, 10:57 (n° 17)
  18. tenkiu – 29 April 2010, 13:06 (n° 18)

    Giovanni Fontana scrive::

    @ Shylock: “me cojoni” in romanesco vordì n’antra cosa.

    nel nord-est “me cojoni” (o “te me cojoni”) vordì anche “mi canzoni”, “mi prendi in giro”.
    W l’Italia!

    Rispondi  |  Cita
  19. Shylock – 29 April 2010, 13:15 (n° 19)

    @ tenkiu:
    Il pronome direi che ci vuole, eventualmente enclitico: ‘me cojonito (cio’)’?

    Rispondi  |  Cita
  20. Lorenzo Panichi – 30 April 2010, 16:10 (n° 20)

    Shylock scrive::

    tutti, in un modo o nell’altro, discriminano sulle caratteristiche desiderate nei figli (a cominciare dalla scelta del partner con cui farli).

    se così è si parla di persone che non esistono ancora, i bambini da adottare sono persone, un po’ come il tuo ultimo argomento sui feti malformati (mi pare)

    Ma se non si può discriminare, allora devi adottare anche un bambino handicappato, se ti tocca, O il tuo ’senso di ingiustizia’ non si spinge fino a quel punto?

    forse il mio senso di ingiustizia non si spinge fino a questo punto. la cosa che mi colpisce è la parificazione della discriminazione: uno con la pelle nera si distingue dagli altri, come uno con le lentiggini, ma umanamente non ha effetti -non può divenire presidente se lo vedo come un jim crow, che non è-; un ritardato invece si distingue e non potrà divenire presidente -giustamente- per esempio. questa è la prima bestialità del razzismo.
    una coppia che non vuole adottare un nero è razzista.
    che non gli venga affidato il bimbo nero, per il bimbo nero sake; gli venga affidato il bianco solo se non esistono abbastanza coppie adatte, per il bimbo bianco sake.

    Rispondi  |  Cita
  21. Giovanni Fontana – 30 April 2010, 16:32 (n° 21)

    Lorenzo Panichi scrive::

    la cosa che mi colpisce è la parificazione della discriminazione:

    Hai ragione anche tu.

    Rispondi  |  Cita
  22. Max – 30 April 2010, 21:05 (n° 22)

    @ Lorenzo Panichi:

    “una coppia che non vuole adottare un nero è razzista”.

    non necessariamente. come fai ad essere cosi assoluto. uno magari vuole avere un figlio e non dirgli che e’ stato adottato. non e’ nei suoi diritti? non e’ nei suoi diritti evitare che a 16 anni non si senta dire “ma tu che cazzo vuoi che non sei neanche mio padre?”

    proprio perche’ non sono razzista e vivo il melting pot quotidianamente senza timori o paranoie che non avrei queste reazioni “knee-jerk” da uomo bianco con i sensi di colpa razzisti e ansioso di essere politically correct….

    Rispondi  |  Cita
  23. Giovanni Fontana – 30 April 2010, 21:07 (n° 23)

    Max scrive::

    uno magari vuole avere un figlio e non dirgli che e’ stato adottato

    Io ‘sta cosa non la condivido. Però so che tutti la pensati in un altro modo, mi faccio da parte.

    Rispondi  |  Cita
  24. Shylock – 30 April 2010, 22:24 (n° 24)

    Lorenzo Panichi scrive::

    si parla di persone che non esistono ancora, i bambini da adottare sono persone

    Lorenzo Panichi scrive::

    una coppia che non vuole adottare un nero è razzista.

    E perche’ uno che non vuole _avere_ (fare) un bambino nero no?
    In entrambi i casi, si discrimina, sulla base dello stesso principio: non voglio un figlio nero, ne’ chiavi in mano ne’ in scatola di montaggio.

    Rispondi  |  Cita
  25. Lorenzo Panichi – 30 April 2010, 22:38 (n° 25)

    Max scrive::

    uno magari vuole avere un figlio e non dirgli che e’ stato adottato. non e’ nei suoi diritti?

    non così agilmente, contando il danno della verità negata.
    poi se sapessi che i miei mi hanno adottato gli vorrei anche più bene, pare che l’adozione sia un infamia.
    ad ogni modo parlo di razzismo seguendo l’idea che emergeva nei discorsi precedenti, l’avere la pelle di colore diverso come elemento di peso,disturbo.

    Rispondi  |  Cita
  26. Lorenzo Panichi – 30 April 2010, 22:51 (n° 26)

    Shylock scrive::

    E perche’ uno che non vuole _avere_ (fare) un bambino nero no?

    direi di si, ma se i geni di uno dei due sono coinvolti potrei appelarmi al fattore somiglianza, non so

    Rispondi  |  Cita
  27. Shylock – 1 May 2010, 07:39 (n° 27)

    @ Lorenzo Panichi:
    E perché il fattore somiglianza dovrebbe valere in questo caso, ma non nel caso del genitore adottivo che vuole un figlio che, in qualche modo, gli somigli (o che comunque non si veda a un km di distanza che non è suo)?
    Rimane sempre il problema di fondo: perché in certi casi sarebbe legittimo scegliere (aka discriminare) e in altri no?
    Perché posso scegliermi un coniuge del colore che voglio ma un figlio no?

    Rispondi  |  Cita
  28. Max – 2 May 2010, 04:21 (n° 28)

    @ Lorenzo Panichi:

    IL “DANNO DELLA VERITA’ NEGATA”….?

    stai scherzando, vero?

    Rispondi  |  Cita
  29. Lorenzo Panichi – 2 May 2010, 14:39 (n° 29)

    Shylock scrive::

    @ Lorenzo Panichi:
    E perché il fattore somiglianza dovrebbe valere in questo caso, ma non nel caso del genitore adottivo che vuole un figlio che, in qualche modo, gli somigli (o che comunque non si veda a un km di distanza che non è suo)?

    che gli altri lo vedano o meno non è il mio punto. penso che il genitore coinvolto abbia il diritto di poter percepire l’effetto dalla PROPRIA influenza genetica. comunque si, il fattore somiglianza può essere un punto a favore della scelta anche quando i propri geni non sono coinvolti.

    Rimane sempre il problema di fondo: perché in certi casi sarebbe legittimo scegliere (aka discriminare) e in altri no?
    Perché posso scegliermi un coniuge del colore che voglio ma un figlio no?

    non è il problema di fondo del mio intervento precedente ([cit]forse il mio senso di ingiustizia non si spinge fino a questo punto…)

    Rispondi  |  Cita
  30. Lorenzo Panichi – 2 May 2010, 14:42 (n° 30)

    @ Max:
    no, non è un diritto conoscere la verità su se stessi?

    Rispondi  |  Cita
  31. Shylock – 2 May 2010, 17:27 (n° 31)

    Lorenzo Panichi scrive::

    non è un diritto conoscere la verità su se stessi?

    Io gli adottati che, di solito adolescenti, vanno in fregola e si rivoltano contro gli adottanti perche’ vogliono conoscere i loro ‘veri’ genitori li trovo piuttosto ingrati: perche’, quegli stronzi che ti hanno tirato fuori dalla strada contano meno di chi ci ha messo solo uno schizzetto di materia organica e poi, per un motivo o per l’altro, in strada ti ci ha lasciato?
    Perche’ la ‘verita” su di te, cocco bello, e’ questa, ti piaccia o no, gli direi io.

    Rispondi  |  Cita
  32. Giovanni Fontana – 2 May 2010, 17:29 (n° 32)

    @ Shylock:
    Io sono d’accordo sia con te che con Lorenzo.

    Rispondi  |  Cita
  33. Shylock – 2 May 2010, 18:36 (n° 33)

    @ Giovanni Fontana:
    Mi spieghi come fai, bieco terzista?

    Rispondi  |  Cita
  34. Giovanni Fontana – 2 May 2010, 18:42 (n° 34)

    @ Shylock:
    Diritto a conoscere la verità. E

    la ‘verita” su di te, cocco bello, e’ questa, ti piaccia o no, gli direi io.

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti