Naturalmente

3 July 2010, 22:22 | Alta politica | Commenti: 11

Naturalmente tutti coloro che hanno predicato l’attenzione a non turbare la sensibilità dei mussulmani nella vicenda delle vignette su Maometto saranno davvero preoccupati – non bisogna turbare la sensibilità dei cattolici! – per ciò che riguarda questi provocatorî manifesti del Gay Pride di cui Roma è tappezzata. O no?

Naturalmente, invece, con le idee sbagliate non bisogna avere correità. Questo manifesto è esemplare, nella sua semplicità, senza fronzoli ruffiani: due uomini si bacino. Non c’è nulla di male. E ti deve entrare in testa.

Non c’è nulla di male a disegnare Maometto: e anche questo ti deve entrare in testa. Semplice, diretto, giusto.

– Commenti:



11 Commenti presenti su “Naturalmente” – Feed

  1. ila – 3 July 2010, 22:37 (n° 1)

    Icastico, e non iconoclastico.

  2. rosalux – 4 July 2010, 08:03 (n° 2)

    Bruttissimo: triste e privo di ironia: un grafico sa fare un manifesto spoglio senza fare un manifesto squallido, e no – fare un bel manifesto non è “ruffianeria”, è professionalità. Inoltre Roma non è affatto gay. Grazie al cielo Roma non è gay, non è etero, non è cattolica, non è comunista, non è fascista, non è ebraica, non è negra, non è bianca. Bruttissimo e provocatorio, e spero di non dover specificare che non mi riferisco al bacio.

  3. davide – 4 July 2010, 09:12 (n° 3)

    Che Roma non sia gay lo ben sanno ragazzi omosessuali che un giorno sì e l’altro anche vengono malmenati in giro per la Capitale.

  4. Shylock – 4 July 2010, 12:37 (n° 4)

    @ rosalux:
    Uh? E cosa volevi, lo spot Armani coi ragazzoni col broncio e coi muscoli unti e guizzanti e in sottofondo un’aria d’opera che non c’entra un cazzo?
    E’ per quello che a Roma menate i froci, perché non sono abbastanza glamour?

  5. marco – 4 July 2010, 14:22 (n° 5)

    E’ un paragone del piffero. La tua logica si sta affievolendo, meno male che tra un po’ ti rimetti a studiare. Ahhahaha.

  6. davide – 4 July 2010, 16:01 (n° 6)

    Shylock scrive::

    @ rosalux:
    Uh? E cosa volevi, lo spot Armani coi ragazzoni col broncio e coi muscoli unti e guizzanti e in sottofondo un’aria d’opera che non c’entra un cazzo?
    E’ per quello che a Roma menate i froci, perché non sono abbastanza glamour?

    Esatto, va che forse se chiamano Toscani qualcosa cambia..

  7. rosalux – 4 July 2010, 19:52 (n° 7)

    No, non cambia un cazzo. Resta che i brutti manifesti comunicano male.

  8. rosalux – 4 July 2010, 19:59 (n° 8)

    Per esempio, il manifesto del post precedente era esattaemnte il contrario: efficacissimo. Penso peraltro che quello del grafico sia un onorevolissimo mestiere, e che si possa usare un linguaggio efficace senza per questo essere affettati o stucchevoli. Mi sorprende che quel lavoro sia bollato come “borghese”, che palle.

  9. Veronica – 5 July 2010, 01:18 (n° 9)

    peccato per l’apostrofo

  10. Ugo – 5 July 2010, 07:57 (n° 10)

    Ehi! Noi cattolici vorremmo dire, con tutta l’educazione del mondo, che quel poster ci offende! Ci offende, hai capito? CI OFFENDEEEEEEE! Ma mi stai a sentire? Ho det-to che mi of-fen-de! EHI, DICO A TE! EHIIIIII!
    (Acciderbolina, non mi caga nessuno. Forse è il caso che mi metta anch’io a bruciare ambasciate. Oppure potrei concludere la faccenda con un:)
    “Bah, tanto brucerete tutti all’inferno.”

    (questo post mi è piaciuto.)

  11. Simone – 5 July 2010, 10:35 (n° 11)

    Devo dire che a me questo manifesto non è piaciuto. E non per la foto, per la quale non penso ci sia qualcosa di male. Semplicemente per la frase, che dice qualcosa di non vero, è una provocazione che non arriva, e non centra il bene l’obiettivo. Che vuol dire? Sinceramente a me non è arrivato nessun messaggio. Secondo me se ci scrivevano una frase del tipo “Questo è amore” avrebbe avuto sicuramente un effetto migliore ed avrebbe veicolato un messaggio più utile e positivo.

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti