Berlusconi solo con la esse

25 July 2011, 20:58 | la lingua doc | Commenti: 8

2 su 5

Questo tipo di giochi linguistici mi diverte molto. Qualche tempo fa avevo imparato a memoria  i monovocalici in O (ho l’orto) e in I (vidi i ciclisti) di Gianni Micheloni. Così mi sono appassionato anche a questo racconto allitterato, Silvio’s Super Story, ad opera di Francesco Linguiti, ne riporto una parte ma cliccate sul link per leggere il resto. Anzi: Scopro soltanto sommario stralcio. Se sognate sapere seguito, seguite subito spingendo su “Silvio’s Super Story”

Stati stranieri sghignazzano scrutandoci stupiti: “Sono senza speranza”. Sembrerebbe sufficiente, sebbene, sorpresa sorpresa, seguono scandali sessuali. Soubrette scosciate si scoprono senatrici, segretarie sotto scrivanie si scoprono sottosegretarie. Si sa, Silvio si sdebita spartendo seggi, sebbene smentisca spudoratamente. Sua sposa, stufatasi, si separa. Silvio si scatena: seduce signorine sussurrando “Sono scapolo, sono settantenne, sono soldi”.  Scopre squillo Sahariana sedicenne: sono serate straordinarie. Senonché sbirri sgamano suddetta squillo scippare sua socia, subito Silvio sollecita scarcerazione. Stampa si sbizzarrisce.

Segnala Saverio

– Commenti:



8 Commenti presenti su “Berlusconi solo con la esse” – Feed

  1. Farfintadiesseresani – 25 July 2011, 21:16 (n° 1)

    E’ divertente farlo con i proverbi. Una lettera alla volta. Tipo, da “moglie e buoi dei paesi tuoi”: Amo aratori autoctoni, ambirei avere amichetta affatto allogena. Basta bovini baresi, bomberei bimba bobbiese (io sto in Val Tidone). Eccetera.

  2. nonunacosaseria – 25 July 2011, 21:17 (n° 2)

    è meraviglioso! ci vado matto anch’io per certe cose.
    nel mio piccolo ci avevo provato con risultati assai più discutibili
    http://nonunacosaseria.blogspot.com/2011/01/che-mi-tocca-fare-per-accontentare-i.html

  3. Giovanni Fontana – 26 July 2011, 00:56 (n° 3)

    Farfintadiesseresani scrive::

    Basta bovini baresi, bomberei bimba bobbiese

    ahahah ora la forwardo ai miei parenti baresi.

  4. rosalux – 26 July 2011, 07:49 (n° 4)

    Beh, geniale! Grazie della segnalazione.
    Senti, per non far mancare la polemica (dovesse non sorgere il sole) mi spieghi quale assurda fobia verso i forestiersmi ti ha suggerito di scrivere “spingere” sul link? In italiano, grazie al cielo, si dice “cliccare”. Per fortuna la nostra lingua è ancora sufficientemente viva per rubare dalle lingue altrui ed arricchirsi! Ma che diavolo significa “spingere” su un link? (ovviamente, se – ma non credo – è un lapsus sciovinista involontario ritiro la concione, altrimenti sono pronta alla pugna fino alla morte e – no – non cambierò idea!)

  5. Ila – 26 July 2011, 09:15 (n° 5)

    rosalux scrive::

    Senti, per non far mancare la polemica (dovesse non sorgere il sole) mi spieghi quale assurda fobia verso i forestiersmi ti ha suggerito di scrivere “spingere” sul link? In italiano, grazie al cielo, si dice “cliccare”. Per fortuna la nostra lingua è ancora sufficientemente viva per rubare dalle lingue altrui ed arricchirsi! Ma che diavolo significa “spingere” su un link? (ovviamente, se – ma non credo – è un lapsus sciovinista involontario ritiro la concione, altrimenti sono pronta alla pugna fino alla morte e – no – non cambierò idea!)

    Rosa, Giovanni stava adeguandosi alla storia segnalata, che inizia tutta per esse. Da qui il “Fontana solo con la esse”:

    Scopro soltanto sommario stralcio. Se sognate sapere seguito, seguite subito spingendo su “Silvio’s Super Story”

    Suvvia, serba spade speciali solo su soggetti stuzzicanti. ;)

  6. rosalux – 26 July 2011, 09:50 (n° 6)

    Ila: Sono sommamente stolta stavolta!

  7. chelidon – 26 August 2011, 09:15 (n° 7)

    i testi interamente allitteranti dovrebbero chiamarsi tautogrammi. Ti suggerisco di cercare, se già non lo conosci, “All’alba Shahrazahd andrà ammazzata” di Giuseppe Varaldo.

  8. chelidon – 26 August 2011, 09:16 (n° 8)

    (mi è scappata una h di troppo)

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti