Doppî standard anticlericali

22 February 2010, 0:25 | Il Male curabile | Commenti: 12

Oggi sono stato al Carnevalone di Poggio Mirteto. È conosciuto come il carnevale anticlericale perché festeggia l’autoliberazione del paesino del reatino dallo Stato Pontificio. Così ci sono un sacco di persone vestite da suore e da preti ed è anche divertente. Anche se, dopo un po’, è sempre la stessa cosa. Spesso ci sono allusioni o raffigurazioni esplicite di rapporti sessuali o pornografia nei travestiti membri del clero, così a dimostrare quanto si sia dipendenti e determinati da quell’immaginario – di castigo del sesso, suo flagello e proibizione – da cui  la teoria vorrebbe che una persona laica si emancipasse (se un prete e una suora fanno sesso, e sono consenzienti, a me non frega niente: non c’è nulla di male).

Poi, al centro, c’era una raffigurazione di Calderoli con un minareto nel culo (immagine omofoba, fra l’altro). Sì, un minareto, con intorno diverse scritte in arabo. Sotto si spiegava che quest’anno il carnevale era dedicato agli immigrati – e va bene – e in particolare ai mussulmani offesi da Calderoli. Ai mussulmani. Anzi, di più, c’era scrtto “il popolo islamico”, in pieno gergo fascistoide.

Non ci sono più gli anticlericali di una volta.

– Commenti:



12 Commenti presenti su “Doppî standard anticlericali” – Feed

  1. fra Alberto – 22 February 2010, 09:50 (n° 1)

    “Non ci sono più gli anticlericali di una volta.”

    giá…

  2. Ugo – 22 February 2010, 09:54 (n° 2)

    è che a volte ci si stanca così tanto della padella che si arriva a chiedere a gran voce la brace.

  3. franco rivera – 22 February 2010, 09:57 (n° 3)

    potrebbe essere perché in realtà non basta essere anticlericali, la loro visione del mondo è comunque religiosa, la loro critica al clero è di non essere abbastanza religioso, idem la critica a Calderoli

    sono dei Savonarola non dei Pasolini

  4. farfintadiesseresani – 22 February 2010, 10:41 (n° 4)

    Pasolini come esempio dell’intellettuale non religioso mi sembra mal scelto.

  5. Giovanni Fontana – 22 February 2010, 10:59 (n° 5)

    @ farfintadiesseresani:
    Però come “fuori dalle schiere” sì.
    Un giorno mi andrebbe di parlarne, con te, dell’indubbiamente religioso Pasolini.

    (o, per altrissimi versi, di Don Milani. O di Cristopher)

  6. franco rivera – 22 February 2010, 11:02 (n° 6)

    eheh
    io invece non l’ho di certo scelto a caso e sono convinto della mia scelta

    Pasolini perviene alle scelte giuste arrivandoci dalla parte sbagliata (o se preferisci dalla strada più difficile)

    esattamente l’opposto dei nei neo-talebani del Carnevalone di Poggio Mirteto che arrivano alle scelte sbagliate pur avendo il vantaggio di del percorso più facile

  7. franco rivera – 22 February 2010, 11:04 (n° 7)

    franco rivera scrive::

    eheh
    io invece non l’ho di certo scelto a caso e sono convinto della mia scelta

    mi riferivo alla scelta di Pasolini e alla critica di tale scelta da parte di farfintadiesseresani

  8. Giovanni Fontana – 22 February 2010, 11:05 (n° 8)

    franco rivera scrive::

    Pasolini perviene alle scelte giuste arrivandoci dalla parte sbagliata (o se preferisci dalla strada più difficile)

    Anche sull’aborto?
    (è una domanda schietta, non tendenziosa. Perché so come la pensi al riguardo)

  9. franco rivera – 22 February 2010, 11:28 (n° 9)

    anche sull’aborto

    nel momento in cui la sua posizione personale contraria, pur con dolore, non si trasforma in un veto per gli altri

    del resto la contraddizione della legge sull’aborto, è che ogni persona sana di mente è contraria all’aborto in quanto tale, ma è contemporaneamente favorevole a una legislazione che contempli l’aborto legalizzato e non visto come reato

    questa contraddizione non è figlia di confusione di idee, ma della necessità di scegliere il male minore tra due mali, senza trincerarsi su posizioni precostituite

    se vuoi, quello che guida chi si schiera a favore della legge è lo stesso principio caritatevole si chi costruiva le “ruote” per i neonati abbandonati all’ingresso degli orfanotrofi, sostituito ora dalla possibilità di abbandono dei neonati da parte delle madri direttamente agli ospedali dopo il parto

    nessuno si augura che vengano abbandonati i bambini, ma meglio abbandonati all’ospedale che uccisi nel cassonetto della spazzatura

  10. Dario – 22 February 2010, 12:46 (n° 10)

    E unici standard clericali.

    http://www.repubblica.it/cronaca/2010/02/21/news/parroco_contro_mcdonald_s-2385081/

    Aldilà che aveva più senso (ma nella religione il senso non ha più senso) dire tuttalpiù “Fedeli, non andate”, il parroco aggiunge poi:

    “Se si fosse trattato di un paese islamico non si sarebbero permessi”

    Quanto gli garberebbe :)

  11. fra Alberto – 23 February 2010, 11:17 (n° 11)

    @ Dario:

    Al solito, un cristiano praticante non ha bisogno del parroco per sapere cosa fare il mercoledí delle ceneri… idem per i centri commericiali aperti la domenica

    Pax

  12. Cristianofobi di tutto il mondo | Distanti saluti – 30 October 2011, 21:56 (n° 12)

    […] vadano a leggere l’originale. Si domandino, poi, se non hanno – anche loro – questo problema. Altre cose sullo stesso tema:Tutto il mondo è […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti