Effettivamente ci hanno messo un po’ di tempo a capirlo anche i cristiani…

22 July 2010, 1:27 | Il Male curabile, immagina tu | Commenti: 44

Quanto alla faccenda degli indonesiani che pregavano in direzione sbagliata e non verso la Mecca, vorrei far notare che la Terra non è piatta e quindi tutte le preghiere sono nella direzione sbagliata.

– Commenti:



44 Commenti presenti su “Effettivamente ci hanno messo un po’ di tempo a capirlo anche i cristiani…” – Feed

  1. Fabrizio – 22 July 2010, 03:30 (n° 1)

    Uhm, non sono proprio d’accordo. Su una sfera valgono una serie di regole geometriche diverse. le distanze si misurano su una superficie curva, così come si può andare da un punto A a un punto B muovendosi su una traiettoria curva.
    Lo stesso vale per le direzioni.

  2. ckiikc – 22 July 2010, 04:59 (n° 2)

    Postulato 1: le preghiere direzionate viaggiano in linea curva.

  3. 1972 – 22 July 2010, 08:11 (n° 3)

    E no Fabrizio, da quando il tuttologo per eccellenza li ha presi sotto l’ala, Giovanni e compagnia possono discettare di ogni argomento con la stessa squisita competenza e ironia. La tua osservazione non tiene conto del principio di onniscienza infusa. Non sai cos’è? Adesso te lo spiega.

    Saluti.

    Enzo

  4. ila – 22 July 2010, 08:29 (n° 4)

    Beh, almeno abbiamo la dimostrazione onniscientifica che Allah non esiste… Altrimenti sai quanto si sarebbe incazzato?!

  5. marco – 22 July 2010, 08:49 (n° 5)

    @fabrizio: ma quanto avevi in geometria? su sto pianeta di solito ragioniamo secondo la geometria euclidea, almeno fino alla terza birra… :)

  6. Valentina – 22 July 2010, 09:01 (n° 6)

    Forse anche le preghiere, come i raggi di luce, viaggiano lungo le geodesiche…bisognerebbe sapere qual è il quanto di un pensiero (mi si concede di associare la preghiera ad un pensiero?).
    Basta, smetto, le sto sparando troppo grosse…

  7. Paolo – 22 July 2010, 10:13 (n° 7)

    Buono a sapersi, la prossima volta che qualcuno mi dirà dove sta la pizzeria, non gli dirò che deve andare a destra, perché ovviamente così facendo lo spedirei nello spazio.

    E facciamo qualcosa per gli aerei! Qualcuno ha pensato agli aerei! In questo momento ci sono voli tra Roma e New York che stanno per essere scagliati nello spazio!!!

    Nessuna preghiera è mai sprecata, e te lo dice uno che è ateo, ma rispetta i sentimenti religiosi altrui. L’autore di quella vignetta è, semplicemente, un povero stronzo.

  8. babymafi – 22 July 2010, 10:51 (n° 8)

    Sono d’accordo con Paolo, le preghiere arrivano sempre….quindi mi spiace per chi ha disegnato questa vignetta….è un ignorante!!!! in questo mondo ragazzi ci vuole un po di rispetto…ci credo che ci sono tutte queste guerre!!!

  9. Ugo – 22 July 2010, 11:06 (n° 9)

    Tu Bernhard Riemann non l’hai neanche mai sentito nominare, vero?

  10. Valentina – 22 July 2010, 11:20 (n° 10)

    Ugo scrive::

    Tu Bernhard Riemann non l’hai neanche mai sentito nominare, vero?

    Sicuramente non il tizio della vignetta…

  11. marco – 22 July 2010, 12:54 (n° 11)

    geometricamente parlando il tizio della vignetta ha ragione visto che la geometria “innata” in noi è quella euclidea

    poi non capisco tutto questo malumore per la vignetta, fatevi una risata ogni tanto invece di dare dello stronzo a uno solo perchè scherza (tra l’altro in modo stra leggero) con la religione, in italia per fortuna non siamo talebani

  12. ckiikc – 22 July 2010, 14:16 (n° 12)

    e soprattutto la vignetta a mio avviso prende in giro l’ostinazione che si mette nel voler porre le cose spirituali sulla terra: mi devo orientare per pregare? devo andare in chiesa per ascoltare la parola di Dio? se credo non devo fare sesso prematrimoniale? Basta co’ ‘ste codifiche del culto ormai belle e superate dal codice civile e penale.
    Mettiamo Dio dove sta davvero anche se non saprei proprio dove.

  13. Giovanni Fontana – 22 July 2010, 16:22 (n° 13)

    Paolo scrive::

    e te lo dice uno che è ateo, ma rispetta i sentimenti religiosi altrui

    Padronissimo tu di rispettare le idee altrui e non gli altri – perché delle due l’una, o rispetti gli altri o rispetti le loro idee. Ma non vantartene.

  14. Giovanni Fontana – 22 July 2010, 16:31 (n° 14)

    babymafi scrive::

    le preghiere arrivano sempre

    Proprio nel tempo che ti ci è voluto per scrivere questa frase, centinaia e centinaia di persone morivano di fame mentre rivolgevano a Dio la preghiera che li risparmiasse.

    Come diceva quello?

    “Con un coltello piantato nel fianco
    gridai la mia pena e il suo nome:
    ma forse era stanco, forse troppo occupato,
    e non ascoltò il mio dolore.
    Ma forse era stanco, forse troppo lontano,
    davvero lo nominai invano.”

  15. Carlo – 22 July 2010, 22:41 (n° 15)

    Per vostra curiosità, ci sono due scuole di pensiero nell’Islam: una che sceglie la direzione della preghiera seguendo le geodetiche e una (minoritaria) che sceglie convenzionalmente la direzione su un planisfero con Mecca al centro.

  16. Max – 23 July 2010, 02:18 (n° 16)

    escludendo per ovvie ragioni onde meccaniche a bassa potenza nell’intervallo di 12-20000 Hz, si assume che la preghiera sia una forma di comunicazione coninvolgente radiazioni electromagnetiche a bassa frequenza (nell’intervallo 0.5-4 Hz) e potenza, come osservabile in encefalogrammi di individui in stato di torpore profondo dei centri encefalici superiori(uno stato che ipotizziamo corrispondere a quello di preghiera). In questo scenario, la combinazione di diffrazione di superficie e diffrazione ionosferica potrebbero permettere comunicazioni a distanza tra un qualsiasi punto della superficie terrestre e la mecca, seguendo la curvatura terrestre. sotto questo scenario la vignetta e’ parzialmente scorretta. d’altro canto, la bassa potenza del segnale, le legge dei quadrati inversi, l’abbondanza di interferenze che tale onda incontrerebbe tra i due punti (6,697,254,041 individui), e l’enorme dimensione della teorica antenna ricevente (diverse migliaia di chilometri!) rende tale comunicazione tutto tranne che probabile, specialmente considerando le modeste dimensioni della mecca. inoltre, comunicazioni in linea diretta con azimut locale zero (o non zero), come ipotizzate nella vignetta pure sembrano improbabili, dato che sia la bassa frequenza/potenza del segnale impediscono a tali trasmissioni di lasciare l’immediata ionosfera terrestre.

    quindi, in ultima analisi, indipendentemente dalla declinazione ed azimut scelto per tale trasmissione si conclude come sia impossibile raggiungere sia l’ipotetica antenna ricevente di terra (mecca) che il destinatario della trasmissione finale in fase di postamplificazione.

    la vignetta e’ corretta nelle sue conclusioni, pero’.

    …indeed, the bigger point is another one…

    it seems obvious that nobody is listening nor gives a fuck about your prayers!

  17. Valentina – 23 July 2010, 07:16 (n° 17)

    Max scrive::

    escludendo per ovvie ragioni onde meccaniche a bassa potenza nell’intervallo di 12-20000 Hz, si assume che la preghiera sia una forma di comunicazione coninvolgente radiazioni electromagnetiche a bassa frequenza (nell’intervallo 0.5-4 Hz) e potenza, come osservabile in encefalogrammi di individui in stato di torpore profondo dei centri encefalici superiori(uno stato che ipotizziamo corrispondere a quello di preghiera). In questo scenario, la combinazione di diffrazione di superficie e diffrazione ionosferica potrebbero permettere comunicazioni a distanza tra un qualsiasi punto della superficie terrestre e la mecca, seguendo la curvatura terrestre. sotto questo scenario la vignetta e’ parzialmente scorretta. d’altro canto, la bassa potenza del segnale, le legge dei quadrati inversi, l’abbondanza di interferenze che tale onda incontrerebbe tra i due punti (6,697,254,041 individui), e l’enorme dimensione della teorica antenna ricevente (diverse migliaia di chilometri!) rende tale comunicazione tutto tranne che probabile, specialmente considerando le modeste dimensioni della mecca. inoltre, comunicazioni in linea diretta con azimut locale zero (o non zero), come ipotizzate nella vignetta pure sembrano improbabili, dato che sia la bassa frequenza/potenza del segnale impediscono a tali trasmissioni di lasciare l’immediata ionosfera terrestre.
    quindi, in ultima analisi, indipendentemente dalla declinazione ed azimut scelto per tale trasmissione si conclude come sia impossibile raggiungere sia l’ipotetica antenna ricevente di terra (mecca) che il destinatario della trasmissione finale in fase di postamplificazione.

    Mi inchino!

  18. gianluca – 23 July 2010, 08:11 (n° 18)

    giovanni sei sempre più bigotto, molto più dei bigotti che attacchi

  19. 1972 – 23 July 2010, 08:22 (n° 19)

    Direi che il commento precedente riassume perfettamente la situazione di un blog diventato la caricatura di se stesso. Lo dico con rammarico perché di autori brillanti come Giovanni ce ne sono pochi. La fama e le compagnie sbagliate danno alla testa, purtroppo.

    Saluti.

    Enzo

  20. nicola – 23 July 2010, 09:22 (n° 20)

    La vignetta è errata dal punto di vista fisico, geometrico e teologico. E non fa ridere.

  21. chiara – 23 July 2010, 10:52 (n° 21)

    @ Max:
    in italiano, wau! Non leggevo i commenti da un sacco di tempo, guarda un po’ che rivoluzioni

  22. Max – 23 July 2010, 15:15 (n° 22)

    @ 1972:

    …on the other hand you are a classical example of what happens to decent brains when they start taking religious bullshit too seriously….they are terribly and irreversibly wasted….

    they start thinking they are the carrier of some deep knowledge when in reality they know nothing of substance, or no more then the schmuck next door. but they really think they do.

    ….just brainwashed keepers of fairy tales for grownups.

    you guys make up your gods to be what you want them to be and then you pretend to tell/teach everybody else what they really are, as if that was some objective reality! whether that makes sense or not, whether that’s true or not it’s a minor point….you tell us we don’t understand, we don’t know all the intricacies of these totally invented and somewhat circular architectures of theological arguments…

    tell me, what else there is to know about your religion(s) other than it’s (they are) a crock of rationalized made-up shit that feeds into deep seated fears of humans?

    oh, and why am I even replying to someone who believes in miracles, the power of prayer, the saints, the virgin birth, the holy trinity, the transubstantiation of some unleavened crackers, the resurrection of the dead and all of that iron-age idiocy?

    …because if bullshit goes unchallenged long enough it tends to become “true”…

    that’s how modernity keeps religion out of the driving seat (or tries to…)

  23. 1972 – 23 July 2010, 15:26 (n° 23)

    Ma stai parlando con me? Penso tu abbia sbagliato interlocutore. Fa caldo lì da te, no?

  24. marco – 23 July 2010, 15:52 (n° 24)

    dev’essere un altro bravo ragazzo che si è rovinato uscendo con le compagnie sbagliate, oh sti giovani d’oggi, perchè nessuno ascolta mai i consigli di mamma :)

  25. ABICAB – 23 July 2010, 16:52 (n° 25)

    @ Max:

    Caro Max, leggo sempre i tuoi post con molto interesse, ma sollevo una questione: se ti domandi così spesso, come fai, perché ti ritrovi a commentare le scemenze degli altri, come mai parli ancora di Berlusconi, come mai ti lasci trascinare in lunghe conversazioni sul declino dell’Italia, per quale motivo ci siano scemi che ancora credono alle favole e alla religione, o come mai nessuno sia intelligente come te, fatti un grande favore: smetti; perché se lo fai per noi, non immagini nemmeno lontanamente quanto poco ce possa fregà.

  26. chiara – 23 July 2010, 16:55 (n° 26)

    @ Max:
    Ah, ecco, meno male.
    No dico, scrivere in italiano proprio per rispondere a un tale cumulo di minchiate mi sembrava sprecato.

  27. Giovanni Fontana – 23 July 2010, 16:58 (n° 27)

    ABICAB scrive::

    smetti; perché se lo fai per noi, non immagini nemmeno lontanamente quanto poco ce possa fregà.

    La proporrei al signor Devoto Oli. Ché secondo me non c’è descrizione più azzeccata per la voce: dogmatismo.

  28. ila – 23 July 2010, 17:01 (n° 28)

    Devoto-Oli-Dogmatismo: la santa trinità?

  29. Valentina – 23 July 2010, 17:02 (n° 29)

    Scusate ma mi sembra si stia un po’ esagerando.
    E’ una vignetta ed in definitiva mi sembra una delle meno offensive nei confronti della religione. E’ simpatica, un po’ nerd (ma sbagliata).
    Perché offendersi l’un l’altro per una vignetta?
    Forse non sono abbastanza intelligente e sapiente come voi ma non ne vedo il motivo.

  30. Angelo – 23 July 2010, 17:50 (n° 30)

    Giovanni, ormai hai raggiunto un grado di fanatismo antireligioso estremo.

    Buona estate

  31. Shylock – 23 July 2010, 18:49 (n° 31)

    Angelo scrive::

    fanatismo antireligioso

    E’ come ‘delinquenza antimafiosa’: un ossimoro e nemmeno di quelli suggestivi.
    Sono i mafiosi che delinquono, non quelli che li contrastano.
    E di atei che perseguitano gli adepti di una qualunque religione io in giro non ne vedo (e, no, non valgono i regimi comunisti, che volevano semplicemente rimpiazzare la religione precedente con la loro).
    Non invertiamo i ruoli, please.

  32. Ugo – 23 July 2010, 19:08 (n° 32)

    marco scrive::

    geometricamente parlando il tizio della vignetta ha ragione visto che la geometria “innata” in noi è quella euclidea
    poi non capisco tutto questo malumore per la vignetta, fatevi una risata ogni tanto invece di dare dello stronzo a uno solo perchè scherza (tra l’altro in modo stra leggero) con la religione, in italia per fortuna non siamo talebani

    Ma infatti non ce l’ho mica perché ha scherzato con la religione, cosa che per quanto mi riguarda è benvenuta ed incentivata. Il problema è che ha scherzato con la matematica.

  33. franco rivera – 25 July 2010, 22:41 (n° 33)

    Shylock scrive::

    Non invertiamo i ruoli, please.

    beh, i religiosi non hanno mai fatto altro che accusare gli altri delle loro malefatte

    ^_*

  34. franco rivera – 26 July 2010, 09:20 (n° 34)

    questi due post sono i più significativi della discussione:

    “# gianluca on July 23rd, 2010 8:11 am

    giovanni sei sempre più bigotto, molto più dei bigotti che attacchi
    Rispondi | Cita
    # 1972 on July 23rd, 2010 8:22 am

    Direi che il commento precedente riassume perfettamente la situazione di un blog diventato la caricatura di se stesso. Lo dico con rammarico perché di autori brillanti come Giovanni ce ne sono pochi. La fama e le compagnie sbagliate danno alla testa, purtroppo.

    Saluti.

    Enzo

    Il fatto di trovare reazioni così violente in risposta di una vignetta ci dice che la vignetta ha colto nel segno

    ^___^

  35. angia – 26 July 2010, 14:11 (n° 35)

    La vignetta è carina, e chi ha il dono dell’ironia, credente oppure no, la prende come quello che è, una vignetta.
    Dare del bigotto a Giovanni Fontana mi pare troppo, io leggo sempre volentieri le discussioni su questo blog e francamente rimpiango fra’ Alberto che almeno ci rideva su…
    P.S. Dunf, stamattina ho comprato e regalato “Infedele” di Ayaan.
    Buona estate!

  36. Giovanni Fontana – 26 July 2010, 18:54 (n° 36)

    angia scrive::

    P.S. Dunf, stamattina ho comprato e regalato “Infedele” di Ayaan.

    Evviva!

  37. Fra Alberto – 26 July 2010, 19:29 (n° 37)

    @Angia ;-)

    in linea di massima di assi magnetici o di orientamenti assiali ce ne siamo sempre un po´ fregati, al limite per noi la direzione di orientamento delle chiese era l´est o l´oriente (massoni tutti copioni, scusate la rima baciata) “simbolo” di Cristo, colui che é come sole che sorge dall´alto, appunto da oriente.

  38. angia – 26 July 2010, 19:41 (n° 38)

    Caro fra’ Alberto…..e il sud dove lo mettiamo? (mi sto abbuffando di prelibatezze sicule…al ritorno al nord dovrò mettermi a dieta fino a natale eh-eh);-)
    Punti cardinali a parte, mi ha fatto piacere il ritorno su questo blog di un avversario simpatico come te! (anch’io ho latitato per parecchio tempo causa accidia ed altre quisquilie..)
    Giovà, spero di aprire un’altra mente con le parole forti e coraggiose di Ayaan.
    Ciao!

  39. Fra Alberto – 27 July 2010, 08:30 (n° 39)

    @Angia
    Carissima Angela, se intanto ti vuoi leggere qualcosa di strano sul nome c´é un link di un microblog di ricordi… intanto ti abbuffi alla faccia nostra e noi siamo in dieta :-)
    Un saluto dalla Germania

  40. angia – 27 July 2010, 16:52 (n° 40)

    Fra Alberto scrive::

    Angia
    Carissima Angela, se intanto ti vuoi leggere qualcosa di strano sul nome c´é un link di un microblog di ricordi… intanto ti abbuffi alla faccia nostra e noi siamo in dieta :-)
    Un saluto dalla Germania

    …..?di che nome stai parlando? Sarò un po’ rinco ché ho sonno e non faccio la pennichella da giorni e giorni…. e che è ‘sto microblog di cui parli? Oggi ho mangiato la pasta con le sarde, stasera pizza e gelato. Mi spiace che sei a dieta, e poi immagino che in Germania si mangi male. Tieni duro, Diò ti aiuterà :-)))

  41. Fra Alberto – 27 July 2010, 18:38 (n° 41)

    @ angia:
    parlavo del mio nome qui… comunque http://txt.io/ffbalby
    Mangiare, mangiamo italiano :-) sono le quantitá che devo rivedere

  42. angia – 27 July 2010, 18:45 (n° 42)

    Scusa Albé, ma vado di fretta. Ti rispondo domani.
    Auf wiedersen! Non so se si scrive così….;-)

  43. angia – 28 July 2010, 08:01 (n° 43)

    @ Fra Alberto:
    Già, belli i ricordi d’infanzia. Io combatto spesso con la nostalgia, ma sembra che vinca sempre lei.
    Il racconto della “sbronza” in Germania mia ha fatto sorridere.
    ;-)
    Ah, anch’io dovrei rivedere le quantità. Ma sono troppo golosa.

  44. Fra Alberto – 28 July 2010, 17:12 (n° 44)

    @ angia:
    ;-) grazie

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti