Giovedì 18 dicembre

18 December 2008, 12:01 | Diario dalla Palestina, immagina tu | Commenti: 8

Voglio indietro il mio pallone! – Diario dalla Palestina 106

Ricordate quando da bambini si giocava in piazzetta, o nelle stradine e il pallone andava inevitabilmente a finire nel giardino del vicino cattivo cattivo, e c’era sempre un coraggioso che scavalcava il muretto o la recinzione – sfidando l’ira funesta del proprietario – per andare a riprendere il pallone prima che fosse troppo tardi?

E le volte che questa operazione non riusciva e quello minacciava di bucare il pallone, oppure di tenerlo lì senza ridarlo?

Ecco:

muro.jpg

– Commenti:



8 Commenti presenti su “Giovedì 18 dicembre” – Feed

  1. V. – 18 December 2008, 16:04 (n° 1)

    sono d’accordo!

  2. Rvr – 20 December 2008, 01:09 (n° 2)

    I nostri graffiti ci sono ancora, sì? :)

  3. Giovanni Fontana – 20 December 2008, 10:40 (n° 3)

    Sì.

  4. YY – 20 December 2008, 15:04 (n° 4)

    Proprio tu che sei sempre così attento a questioni linguistiche scrivi “recinsione”? :-)

  5. Giovanni Fontana – 20 December 2008, 17:03 (n° 5)

    Che disdetta!

  6. Ger. – 22 December 2008, 15:05 (n° 6)

    Ricordo perfettamente, andava proprio così! Ho perso il mio primo pallone di cuoio in questo modo..

  7. Troppi luoghi comuni su Hamas | Distanti saluti – 7 January 2009, 16:20 (n° 7)

    […] Che i suoi governanti abbiano deciso diversamente è da discutere, che la bilancia sarebbe finita per pendere da quella parte là è l’illusione di una persona per bene, che pensa che anche il mondo sia per bene come lui. Purtroppo, talvolta, è proprio il contrario. […]

  8. Troppi luoghi comuni su Hamas | Distanti saluti – 7 January 2009, 16:20 (n° 8)

    […] Che i suoi governanti abbiano deciso diversamente è da discutere, che la bilancia sarebbe finita per pendere da quella parte là è l’illusione di una persona per bene, che pensa che anche il mondo sia per bene come lui. Purtroppo, talvolta, è proprio il contrario. […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti