Lunedì 2 febbraio

2 February 2009, 21:35 | Diario dalla Palestina, immagina tu | Commenti: 9

Pulizie – Diario dalla Palestina 156

Il modo di fare le pulizie, qui in Palestina, è particolare: si buttano dei grandi secchi d’acqua per terra, e poi si gioca a buttare l’acqua dentro le fessure. Metteteci i bambini, un bambino un po’ cresciuto, e un’educatrice disperata, e il risultato è questo:

pict0029.JPG

Questo:

pict0034.JPG

Ma soprattutto questo:

pict0037.JPG

p.s. I bambini, aggeggiandoci, mi hanno rimesso la data in sovraimpressione sulla macchina fotografica.  È assurdo, non riesco a toglierla: ho provato a rifarceli aggeggiare, ma non ha funzionato…

– Commenti:



9 Commenti presenti su “Lunedì 2 febbraio” – Feed

  1. Rita – 3 February 2009, 11:29 (n° 1)

    immagino che il bambino che si è divertito di più sia stato tu… ne sono sicura

  2. Lorenzo Panichi – 5 February 2009, 20:20 (n° 2)

    ma i bambini in che modo vedono le bambine? e tu che gli dici?

  3. Giovanni Fontana – 6 February 2009, 10:21 (n° 3)

    Direi “schifati”, è la parola più giusta.

  4. Rita – 6 February 2009, 10:54 (n° 4)

    e se imparassero a quest’età il rispetto per gli altri? di qualunque sesso, religione, colore della pelle, ecc. siano? eh? sarebbe chiedere troppo?

  5. Giovanni Fontana – 6 February 2009, 11:06 (n° 5)

    Eh, è quello su cui proviamo a lavorare.
    Su quella cosa lì sono inflessibile.

  6. Rita – 6 February 2009, 11:14 (n° 6)

    bene. sono dalla tua parte.

  7. Lorenzo Panichi – 6 February 2009, 12:17 (n° 7)

    ma schifato sulla linea del padrone ubriaco che impreca alla bestiola che guaisce o come un bambino italiano è schifato da una bambina (sai l’anticamera dell’attrazione)? magari un mix

  8. Lorenzo Panichi – 18 February 2009, 20:28 (n° 8)

    insomma che schifo?
    e la prima foto è sballata?

  9. Giovanni Fontana – 18 February 2009, 20:31 (n° 9)

    Sì. Sì.

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti