Venerdì 19 settembre

19 September 2008, 19:03 | Diario dalla Palestina | Commenti: 5

Ramadan, episodi 6 – Diario dalla palestina 61

Effettivamente durante il Ramadan le strade sono completamente deserte fin dalle 6 di sera, nessuno gira per strada e tutti i negozi sono chiusi. Tutti con un’eccezione: i panifici. Dato che i mussulmani non possono mangiare durante il giorno, gli è inutile preparare il pane alla mattina, così cominciano la propria attività al tramonto e vanno avanti per rifornire di pane anche a chi si sveglierà alle 3 di mattina dell’indomani per mangiare prima dell’inizio del digiuno.

L’altra sera mi sono fermato a uno di questi forni per comprare lo shrak, il pane a piadina che in Europa si usa per il kebab: il fornaio non parlava una parola d’inglese, allora nel poco arabo che so, ho abbozzato: «dare pane shrak!». Lui me l’ha preso. Ho chiesto: «caldo?» – lui, per tutta risposta, ha preso queste sfoglie di pane arrotolate, mi ha afferrato il polso e ce l’ha sbattute contro. In effetti era caldo.

– Commenti:



5 Commenti presenti su “Venerdì 19 settembre” – Feed

  1. Valentina – 19 September 2008, 20:49 (n° 1)

    gentile…

  2. giovanna – 20 September 2008, 13:02 (n° 2)

    ma tu come fai col ramadan?
    ti porti il panino da casa? non credo…

  3. Giovanni Fontana – 20 September 2008, 13:56 (n° 3)

    Negozi cristiani rules.

  4. giovanna – 21 September 2008, 15:25 (n° 4)

    ed il kebabaro più bono aperto solo a pranzo?
    chiude per un mese?

  5. Giovanni Fontana – 22 September 2008, 12:04 (n° 5)

    Quello è cristiano, ma senza bici non ci passo.

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti