Vittoria / 2

7 November 2012, 5:26 | immagina tu | Commenti: 9

Aprii questo blog quasi cinque anni fa, alla vigilia della campagna per le primarie di Barack Obama. Il mio primo post fu un suo, piccolo, sconosciuto, endorsement.

Questo, quattro anni fa oggi.


Altre cose sullo stesso tema:

  1. Vittoria
  2. Lunedì 1 settembre
  3. Only in the US
  4. Happy Birthday
  5. Martedì 17 febbraio

Condividi – Commenti:

9 Commenti presenti su “Vittoria / 2” – Feed

  1. Piero Schiavoni – 10 November 2012, 21:40 (n° 1)

    Mi dispiace rovinare questo idillio, ma io penso che gli americani si pentiranno molto presto di questo risultato elettorale. Quando le tasse cominceranno ad aumentare vertiginosamente forse si chiederanno se sia stata o no la scelta giusta quella di inseguire il modello europeo (che in Europa è già fallito in mezzo ad enormi rischi di tenuta democratica degli anelli deboli come la Grecia): molto statalismo, molta pressione fiscale, in cambio di (forse) più assistenza sanitaria e sociale. Fra quattro anni vinceranno i repubblicani a valanga, con la differenza che Romney sarebbe stato ancora in grado di contenere i Tea Party e le politiche più conservatrici. L’unica speranza è che la maggioranza repubblicana al Congresso obblighi il presidente a scelte bi-partisan. Io condivido integralmente la visione che ha bene espresso Alberto Alesina sul Corriere della Sera dell’8 novembre.

  2. Max – 11 November 2012, 23:36 (n° 2)

    @ Piero Schiavoni:

    come one…la campagna elettorale e’ finita: Obama e’ un rockefeller repubblican….piu un Dwight Eisenhower, Richard Nixon, or Gerald Ford che non la reincarnazione di Lenin (per questo mi piace, btw):

    1. lo schema di health care che ha firmato in legge e’ lo stesso pensato disegnato da conservative think tanks a meta anni 90 (heritage foundation! some bolshevik bastion…) come alternativa a single payer Hillary-care scheme, e firmato in legge, anzi voluto, dallo stesso Mitt Romney nel mio “great state” -a volte troppo socialdemocratico per i miei gusti, ma on point in questo caso- of Massachusetts…

    2. il fiscal stimulus del 2009 era un logico follow up al fiscal stimulus della Bush administration ed in linea con teorie economiche che anche i conservative piu moderati accettano quando non sono in campagna elettorale…

    3. durante le trattative del 2011 con i repubblicani offri un pacchetto che includeva 6 dollari di tagli alla spesa per ogni dollaro di incremento in tasse, un ratio ancora piu “conservative” di G. H .W Bush nel 1990

    4. Tra i tagli proposti nel 2011 nell’accordo saltato con Boehner c’era medicare, medicaid e social security….such a hard core socialist!

    5. pur tutta la campagna elettorale 2012 i GOP si sono lamentati che Obama ha macellato medicare con $712 b di tagli come conseguenza di ACA: you can’t have it both ways….

    6. cap and trade, quando se ne parlava, pure era un’idea dei conservatives, per usare market mechanism nell’affrontare global warming

    7. quando l’anno scorso EPA ha proposto nuove rules per air pollutants, Obama ha messo veto perché temeva che avrebbe avuto un effetto negativo sulla ripresa economica: talking about a tree hugger….

    8. in politica estera ha aumentato il numero di attacci con droni in pakistan, ha tecnicamente violato la sovranita pakistana con una azione di commando nel cuore del sistema di difesa pakistano, uccidendo UBL, ha bombardato per settimane libia, non ha chiuso guantanamo e ha messo l’economia iraniana in ginocchio con anni di sanzioni: is that Obama Bamby???

    come on….

  3. Max – 11 November 2012, 23:48 (n° 3)

    Mitt Romney ha perso perche ha rotto le balle a donne e “minoranze” latine, alienandole entrambe, allo stesso tempo non riuscendo a “vendere” il suo approccio economico (spesso riassumibile nel “trust me”). Finche GOP continuera a sposare posizioni ultraconservative invadendo la privacy della gente o la loro identità o coesione famigliare fara fatica ad avanzare altre agende, specie quella economica (che pure occasionalmente ha meriti).

    poi, in un momento di crisi gli americani hanno semplicemente pensato che un democratico di estrazione popolare e’ piu bilanciato e piu sensibile i problemi della maggioranze rispeeto ad un Richy-Rich Repubblicano che ha passato la vita tra prep schools, Ivy League schools, country clubs and financiers…

    come biasimarci…?

  4. Max – 12 November 2012, 20:10 (n° 4)

    one of the last commonsensical republicans:

    http://www.cnn.com/2012/11/12/opinion/frum-conservatives-despair/index.html?hpt=hp_t2

    a rare breed…

  5. ormazad – 14 November 2012, 10:30 (n° 5)

    @Max
    Da una visione superficiale della politica americana mi pare che il grande “change” portato da Obama è che sia giovane , bello e sopratutto abbronzato .
    Non che sia un male .

    Concordi ??

  6. Max – 15 November 2012, 01:19 (n° 6)

    @ ormazad:

    no. non e’ quello che penso: nel senso che e’ stato il presidente che ha portato piu cambiamento da 50 anni a sta parte. e’ dagli anni 30 che si cercava di cambiare il sistema assicurativo sanitario scollegandolo dall’impiego, ed sono 50 anni dalle ultime riforme sanitarie di medicare/aid. la sua di Obama e’ la piu grossa riforma sociale in due generazioni, un miraggio da 4. una roba che lo porta al pari di Roosevelt o LBJ. ora e’ la law of the land che ha superato non solo una sentenza della corte suprema ma pure la sentenza del ballot box.

    altro che bello, abbronzato e giovane….

    se dopo quello non facesse piu nulla e se ne stesse a grattarsi le balle nella white house a me basterebbe.

    da quel lato dell’atlantinco magari non si apprezza sta cosa, ma potenzialmente, se gestita in modo appropriato negli anni a venire, e’ una riforma in linea con principi capitalistici e che potenzialmente puo liberare enormi risorse umane: non te ne devi piu stare nel tuo dead-end job perche’ ti da l’assicurazione sanitaria, ma che tu te ne vada in Mass o Alaska esistera un sistema per ottenere una copertura assicurativa. non per nulla sta riforma era supportata anche da libertari (una parte). questo aumenta mobilita della forza lavoro.

    ma il cambiamento non e’ “socialista-leninista” come si ama ripetera in certi ambienti, ma un middle of the road, moderato, capitalista, su cui gli stessi repubblicani avrebbero concordato non piu di 15 anni fa.

  7. Max – 15 November 2012, 01:29 (n° 7)

    e…per chiarire, la sua rielezione era la sola garanzia che la legge sanitaria non venisse cancellata. la maggior parte delle provisioni entrano in vigore alle fine di 2013-inizio 2014, ed un presidente repubblicano con un parlamento repubblicano l’avrebbe repealed senza sostituirla con nulla. insomma, sono uno di quelli che giustifica un secondo term di obama esclusivamente in questi termini pragmatici.

  8. ormazad – 15 November 2012, 22:55 (n° 8)

    Il sistema sanitario USA è completamente alieno a quello europeo per cui è sicuramente difficile da qui apprezzare i particolari e sopratutto l’importanza della riforma di Obama solo leggendo i giornali .

    Romney sempre visto da qui non sembrava certo un esponente dei Tea Party …

  9. לימודי מנהל עסקים – 11 May 2013, 19:31 (n° 9)

    I was wondering if you ever considered changing the page layout of your site?

    Its very well written; I love what youve got to say.
    But maybe you could a little more in the way of content so people could connect with it better.
    Youve got an awful lot of text for only having 1 or two pictures.
    Maybe you could space it out better?

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.