Lei si chiama Omer Goldman

1 December 2008, 3:53 | Diario dalla Palestina | Commenti: 16

Omer GoldmanLei si chiama Omer Goldman, ha 19 anni, il suo numero di matricola è il 5398532.  È una Shministim, o refusnik. Ha rifiutato di arruolarsi nell’esercito israeliano, e per questo è stata più volte rinchiusa in un carcere militare.
Di suo padre dice: «in fondo abbiamo un carattere simile, entrambi combattiamo per quello in cui crediamo: soltanto che abbiamo visioni diametralmente opposte».
La cosa – neanche troppo originale – che molti diciannovenni direbbero del proprio padre.

Il padre, però, non è un genitore qualsiasi. È stato vicecapo del Mossad fino all’anno scorso, ed è considerato tutt’ora una delle persone più influenti nel campo della security in Israele.

Ma lei, Omer, la pensa in un altro modo: dice che “proprio perché crede nel servizio alla società di cui fa parte” non può arruolarsi nell’esercito. E che “La violenza non porterà da nessuna parte, e io non commetterò violenze, a qualunque cosa io vada incontro…”

A cosa va incontro lo sa bene, significa essere richiamata più volte sotto le armi, e fare un periodo in prigione a ogni rifiuto. Per poi essere rilasciata, e essere richiamata, magari pochi giorni dopo.

Eppure le possibilità di scamparla, con un sotterfugio, non dovrebbero mancarle: non si può dire che non abbia conoscenze. E, in ogni caso, con le donne che proprio non vogliono fare il servizio militare è più facile che si chiuda un occhio per fittizî “motivi religiosi” o “di salute”, per i maschi è ben più difficile. Chissà se c’ha mai pensato o ha tirato dritto per la sua strada, lastricata di quell’idealismo testardo che – dagli anni ’70 – ha convinto vari ragazzi israeliani a fare la stessa scelta.

Non so se sarei del tutto d’accordo con lei e i suoi amici, perché qualunque posizione è infinitamente complessa e difficile da comprendere e conciliare, in quella zona di mondo; ma sono i personaggi come lei ad affascinarmi, a dare una radice di speranza. A far saltare gli schemi e i pregiudizî, che sono sinonimi quando si parla di Israele e Palestina.

Degli ebrei che si battono per l’altra parte valgono molto di più: perché qui ogni cosa è schieramento, l’identità connota e esige lealtà cameratesca: chi ne sfugge è aria fresca.
Così come per le ideologie: il sionismo è considerato ragione dell’occupazione da una parte, e alla stregua del nazismo dall’altra? Ci sono questi, che sparigliano le carte, e proclamano – con argomenti anche convincenti – che i veri sionisti sono coloro che vogliono la fine dell’occupazione.

Del resto è forse soltanto in Israele che possono accadere queste cose. Sarebbe sicuramente difficile immaginare la figlia (omosessuale, per di più) di un primo ministro impegnata nel combattere le ingiustizie foraggiate dal governo del padre, e senza che questo crei troppo scandalo. Non lo immaginerei in Italia, vorrei farlo in Palestina, ma è meglio non farlo.
Qualcuno dice che sono proprio queste le contraddizioni di Israele, se è così, beate contraddizioni.

Il 18 dicembre c’è l’iniziativa dell’organizzazione Free the Shministim per richiedere la liberazione, e il congedo, di Omer e i suoi compagni di disavventura, quel giorno sarò nuovamente in Palestina, magari faccio un salto al di là del muro e vi racconto.


Altre cose sullo stesso tema:

  1. Cara Trenitalia, ti aiuto: si chiama “mahram”

Condividi – Commenti:

16 Commenti presenti su “Lei si chiama Omer Goldman” – Feed

  1. vale – 1 December 2008, 18:07 (n° 1)

    il 18 devi essere lì (manifestare anche per me) e poi conquistarla!
    se va male, ripiega sugli agrumi e poi si vedrà!

  2. farfintadiesseresani – 1 December 2008, 19:58 (n° 2)

    Che poi, detto incidentalmente, sembra pure parecchio carina.

  3. luca – 1 December 2008, 23:04 (n° 3)

    incidentalmente????

  4. Cristina – 2 December 2008, 08:26 (n° 4)

    da notare il solito spessore di luca.

  5. Personalità 21 – 3 December 2008, 02:42 (n° 5)

    si difatti anch’io nella mia idiozia non riesco a non commentare subito e innanzitutto “mazza che figa”.il consumismo visivo occidentale ci ha rincoglioniti tutti!

  6. luca – 4 December 2008, 00:14 (n° 6)

    non vedo che idiozia ci sia. il fatto che sia bona non esclude affatto, anzi, il fatto che probabilmente sia anche mooolto intelligente. unendo le due cose (plus le origini) ne fanno una perfetta donna da sposare.

  7. Personalità 21 – 5 December 2008, 03:34 (n° 7)

    no, il fatto è che è la prima cosa che noto e quella che mi rimane in testa molto più della sua storia.

  8. Manifesta pure tu - Diario dalla Palestina 107 | Distanti saluti – 20 December 2008, 23:54 (n° 8)

    [...] si intravede la star, piuttosto antipatica, fra [...]

  9. giovanni – 2 January 2009, 10:21 (n° 9)

    sul fatto che solo in Israele i figli combattono gli errori dei padri, non sono d’accordo. Il figlio di Donat Cattin era un brigatista, più all’opposizione di così…:D
    comunque solo in Israele c’è una vera epidemia di “pecore nere” (anche se imho sono loro le pecore bianche e i guerrafondai le pecore nere): la figlia di olmert, questa qui che è figlia del quasi capo del Mossad, il nipote di Netanyahu Jonathan Ben Artzi

  10. Sophia – 3 February 2009, 11:03 (n° 10)

    1. Per il Tempo!

    2. Invero l’uomo è in perdita,
    3. eccetto coloro che credono e compiono il bene, vicendevolmente si raccomandano la verità e vicendevolmente si raccomandano la pazienza.

    Auguri per Omer, non sei sola.

  11. Anche qui, un poco, si spera | Distanti saluti – 7 February 2009, 00:36 (n° 11)

    [...] me sono molto belle. L’hanno fatte quelli di Jewish Voice for Peace, di cui avevo già parlato; Chiedono a Obama un impegno serio in Medio [...]

  12. mizzica – 24 February 2009, 15:49 (n° 12)

    Appena ho visto al foto mi si e’ resettato il cervello…….cazzalora!

  13. ludovicus – 27 September 2009, 20:39 (n° 13)

    non mollare ragazzina!!! sei proprio bella di fuori e ancora più di dentro! come vorrei che tu fossi mia figlia

  14. La storia di Omer Goldman, figlia del vicecapo del Mossad israeliano | Grida la Tua – 22 November 2012, 12:08 (n° 14)

    [...] maggiori info sulla sua vicenda potete leggere la sua scheda di Wikipedia (in inglese) oppure questo articolo e/o [...]

  15. La storia di Omer Goldman, figlia del vicecapo del Mossad israeliano | SalernoRSS – 22 November 2012, 14:23 (n° 15)

    [...] maggiori info sulla sua vicenda potete leggere la sua scheda di Wikipedia (in inglese) oppure questo articolo e/o [...]

  16. NUTesla | The Informant » La storia di Omer Goldman, figlia del vicecapo del Mossad israeliano – 24 November 2012, 14:54 (n° 16)

    [...] maggiori info sulla sua vicenda potete leggere la sua scheda di Wikipedia (in inglese) oppure questo articolo e/o [...]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.