Mercoledì 21 gennaio

21 January 2009, 23:25 | Diario dalla Palestina, immagina tu | Commenti: 7

Brutti e infantili – Diario dalla Palestina 142

Sui graffiti e il Muro potrei veramente raccontare, o più propriamente lasciar raccontare, le immagini, le scritte, i disegni, le idee, per chissà quanti post. Si potrebbe farne un blog apposito.
E poi c’è Banksy, il graffitaro più famoso al mondo. Ovviamente tutti lo conoscete, ma se non lo conoscete dovreste. C’è una sua frase che non ricordo dove avevo letto, che diceva qualcosa come: “dicono che i graffiti siano brutti, infantili e non ricordo cosa. Beh, solo se sono fatti proprio bene”.

Ecco, lui li fa proprio bene, e qui a Betlemme si è sbizzarrito. Seleziono i migliori per me, ma ne ha fatti altri, qui.

Il passo… carra(rmata)bile:

passo-carrabile.JPG

Il soldato che chiede i documenti all’asino:

banksy_donkey.jpg
Questo non l’ho mai visto di persona: e sapete perché? Si lo so, è incredibile: hanno pensato che fosse una presa in giro ai palestinesi e l’hanno cancellato. O almeno così l’hanno raccontata a me

La colomba con il giubbotto antiproiettili:

banskycolomba.jpg

E i miei due preferiti: la bambina che perquisisce il soldato, e il ragazzo che lancia i fiori (unico elemento colorato) invece della molotov. Delle volte mi fermo e li guardo, anche dieci minuti a pensare “ma che bello”:

17banksyes_468x606.jpg banksyfiori-2.jpg
L’originale del secondo non è a Betlemme, ce n’è una copia su un muro di Beit Sahour, il comune contiguo.

E se ne trovano altri, in giro per Betlemme, sia perché è il pezzo di muro più facilmente raggiungibile da uno straniero (Bansky nasconde la sua identità, ma dovrebbe essere inglese), e sia perché Banksy raramente disegna direttamente sul Muro, molto più spesso su case, o muri secondari – insomma, dove l’eventuale zelo di un soldato potrebbe interrompergli il lavoro: anche se a onor del vero non ho mai sentito dire di un soldato che abbia contestato qualcosa a un pitturatore.
Poi c’è anche la storia di quello che ha venduto il muro della propria casa, con sopra un graffito di Banksy, e l’ha ricostruito.

I graffiti in Palestina sono stati fatti in più venute nel corso degli anni, alcuni sono del 2005, altri del 2007: purtroppo molti sono oramai scoloriti (per questo alcune delle foto che vedete qui, le ho prese in giro per internet).
Domani vi racconto e documento cosa mi ha fatto pensare che Banksy sia tornato qui nei pressi.

p.s. C’è un sito ufficiale di Bansky, dove non si trova nulla di questo, ma tanto di altro e molto bello: e c’è una pagina che si chiama “manifesto”, con una citazione che oltre a essere molto azzeccata, sembra proprio essere un sibilo alle mie orecchie viste le recenti disavventure:

When I was a kid I used to pray every night for a new bicycle.
Then I realised God doesn’t work that way, so I stole one and prayed for forgiveness.

Continua qui
(il link funzionerà domani)

– Commenti:



7 Commenti presenti su “Mercoledì 21 gennaio” – Feed

  1. francesco – 22 January 2009, 00:45 (n° 1)

    Molti di quelli che hai pubblicato, e quasi tutte le opere di Bansky, sono stencil, una tecnica differente dai graffiti comuni ( a Roma avrai sicuramente visto quelli a firma “Sten”).. ovviamente Bansky è un maestro degli stencil, soprattutto per l’espressività..

    complimenti per il blog, e per il servizio che fai..

  2. piero – 22 January 2009, 11:52 (n° 2)

    Ricordo un libro di immagini di Banksy(non Bansky), in cui lui racconta che quando ha pitturato una parte del muro di Gaza non era a conoscenza che i soldati erano appostati sulle torrette(la guida che l´ha accompagnato non glielo aveva detto…)

  3. Giovanni Fontana – 22 January 2009, 11:56 (n° 3)

    E pensare che mi piccavo di pronunciarlo meglio di quello che me l’ha presentato: dài, però, 4 volte su 6 l’avevo scritto giusto!
    Grazie della correzione

    E grazie anche a Francesco, della precisazione.

  4. anacl@to – 22 January 2009, 18:32 (n° 4)

    bello quello del mulo!

  5. Linea blu - Diario dalla Palestina 144 | Distanti saluti – 25 January 2009, 12:20 (n° 5)

    […] continua da qui […]

  6. Ostinato | Distanti saluti – 28 December 2009, 10:28 (n° 6)

    […] sono venuti in mente i suoi migliori, che sono in Palestina, oppure in questa pagina. Altre cose sullo stesso tema:Crisi dell’editoriaMercoledì 21 gennaioCome far sì che […]

  7. Scrivere sui muri. In Palestina. | Riot Van – 26 May 2011, 14:42 (n° 7)

    […] alcune opere di Banksy in […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti